ASPETTANDO CARNEVALE…. IN AMICIZIA

Siamo in tanti, più del previsto, a rispondere all’invito del Comitato Umanità Nuova che ancora una volta prepara una gioiosa, multietnica, festa di carnevale.

L’appuntamento è alle 12.00 all’Istituto Padre Assarotti di Genova. Piccoli gruppetti, tra cui alcune famiglie del Movimento dei Focolari, iniziano ad arrivare ben prima per preparare gli ambienti. Chi porta i viveri, le bevande, quanto serve per il pranzo. C’è anche il deejay per le musiche, impianto audio, microfono. Un gruppetto di giovani cinesi arrivano con dei preziosi festoni di carta da loro confezionati per abbellire la sala della festa. Qualcuno si unisce a noi dopo il pranzo: sono gli animatori che con i loro multitalenti ci coinvolgono in una crescente allegria contagiosa.

Il programma è semplice. Penso ad una citazione che ultimamente ho fissato nella mente: “La semplicità è il risultato di un percorso, più che un inizio”1. Infatti il ritrovarsi insieme in più di 80 persone di 15 nazionalità, di tutte le età (molti i bambini anche piccolissimi) per un pranzo condiviso seguito da giochi, canti, balli vissuti in gioiosa armonia si inserisce in un percorso di amicizia iniziato per molti dei presenti da vari anni e per alcuni da poche settimane.

Ritorniamo al programma “semplice”. Uno spazio viene dato al cartellone dell’amicizia dove ciascuno ha risposto alla domanda “cosa è per me l’amicizia” scrivendo su bigliettini colorati frasi, parole, detti. La maggior parte in un italiano in erba (stanno frequentando corsi di italiano) e poi in arabo, spagnolo, francese… i bambini con il linguaggio del disegno. Per concludere, alternando i lettori, adulti e ragazzi, li leggiamo tutti. “L’amicizia è essere ensemble, mangiamo, parliamo. Ascolte tanti”. “L’amicizia per me è aiutarmi a sentire alegra, è la cura della tristezza. Sono grata a tutte le persone che conosco qui”. “L’amicizia prepara la pace”.

E’ si, la pace oggi cosi incerta a livello mondiale ma anche nelle nostre città, nel quotidiano ci sta fuggendo di mano. Eppure tutti la vogliamo e vorremmo spenderci per dare anche se piccolo un nostro contributo alla sua realizzazione. E ritornano in mente alcune parole di papa Francesco… “La pace nel mondo passa attraverso la conoscenza dell’altro e il rispetto della diversità.”

Salutandoci a fine festa l’armonia fra tutti, cosi diversi, è una realtà. Ciascuno si sente leggero. Sembra quasi che problemi, sfide, alcuni drammi siano per un attimo svaniti…o meglio si riprende una boccata di serenità, di speranza, per ricominciare la settimana consapevoli che non si è soli. Non può davvero essere questo un pezzettino di pace?

Cristina Tomelleri


1  Mario Dondero, fotografo

Precedente PDV 3: "Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso" (Lc 6,36). Successivo CONGRESSO VOLONTARI: tutti NODI di una stessa RETE

Un commento su “ASPETTANDO CARNEVALE…. IN AMICIZIA

  1. OS il said:

    Purtroppo questa volta non sono riuscito a partecipare,
    ma leggendo l’ articolo constato che è stata una bellissima Festa ed Iniziativa.

    Un Grazie agli organizzatori ,
    ma anche a Cristina per questo sintetico ma efficace articolo che ce ne ha reso partecipi.
    Oscar

Lascia un commento