SPIRITUALITA’ – Sulla Confessione – di Padre Cappello

Stralci da alcuni scritti di Padre Felice Maria Cappello “Il gesuita della Misericordia” nato a Caviola (frazione di Falcade) il 9 ottobre 1879  e spirato Roma 25 marzo 1962, ritenuto “il sacerdote più assiduo al confessionale e il canonista più consultato del mondo cattolico”. Padre Pio stesso rimproverò alcune persone giunte da Roma per confessarsi a S. Giovanni Rotondo dicendo loro: “Ma perché siete venuti sin qui, quando a Roma avete padre Cappello?”

…. Se il peccato esprime ciò che la persona è, la confessione esprime le intenzioni di quello che la persona vorrebbe essere …

… Non c’è Santo senza un passato e peccatore senza un futuro .

… I princìpi sono una cosa, la persona un’altra …

… La confessione nasce sempre da un desiderio: rimettersi davanti a Dio, che per primo ci ha cercato, venendoci incontro …

… Aiuta i penitenti a consegnare davanti a Dio il peccato commesso …

. Il perdono non si merita e non si conquista: non è una scommessa con se stessi per voler migliorare, ma è il dono gratuito dell’amore di Dio .

… Grandi Santi ritengono che la persona che esce di casa per confessarsi e cambiare vita, sia già perdonata..

… Il Santo Curato d’Ars diceva che il buon Dio sa tutto: prima ancora che vi confessiate, sa già che peccherete ancora e, tuttavia, vi perdona …

… Come è grande l’Amore del nostro Dio che si spinge fino a dimenticare volontariamente l’avvenire, pur di perdonarci! …

… La confessione è una tappa di ristoro in un lungo cammino che ha una direzione precisa: al di là della croce, non vi è altra scala per salire al Cielo! …

Tre sono i momenti della Confessione

  • la Confessio Laudis: iniziare con il ringraziamento e la lode e chiedersi quali sono le cose per cui sento di dover ringraziare Dio che mi è stato vicino;
  • la Confessio Vitae: chiedersi, dall’ultima confessione “Che cosa c’è in me che vorrei non ci fosse? Che cosa mi pesa?;
  • la Confessio Fidei: è la preparazione a ricevere il dono immediato di Dio, è la proclamazione a Lui di credere nella Sua potenza sulla nostra vita

… Ogni nostra azione è opera compiuta, non solo PER l’eternità, ma NELL’eternità …

DA Editrice VELAR – prima edizione giugno 2016

 Genova, 19 settembre 2018, a cura di Roberto e Oscar  (SCARICA IL PDFCliccaQui)

Precedente FONTANEGLI E IL GIOCO DELLA ZUCCA Successivo PDV 11: “Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me” (Ap 3,20).

Lascia un commento