DA UNA CRISI ECONOMICA NASCE CITTA’ FRATERNA PER AIUTARE CHI E’ NEL BISOGNO

ASSOCIAZIONE CITTA’ FRATERNA Odv di Genova 

L’Associazione nasce a fine 2010 a Genova Bolzaneto su spinta di Renato Marcenaro con lo scopo di aiutare i poveri e coloro che non hanno assistenza sanitaria nel quartiere .

Nel 2012 su sollecitazione dei cappellani di fabbrica, di parte del sindacato e,  a causa della ventilata chiusura del Cantiere Navale di Sestri Ponente già fermo e senza commesse, l’allora presidente Renato chiama alcuni amici personali per ottenere un aiuto immediato sotto forma di viveri da distribuire alle famiglie che non hanno nessuna copertura sociale (CIG ) .

Poichè questa soluzione non è ottimale invita degli amici del Movimento dei Focolari per vedere se si può organizzare un servizio continuativo a sostegno dei più poveri. Questa decisione viene presa a seguito di colloqui con la Caritas Genovese e con i responsabili del Movimento in zona.

Avuta la disponibilità di alcune persone, si procede con colloqui con i rappresentanti sindacali, il presidente della circoscrizione di Sestri Ponente, la Curia genovese ed alcuni politici locali; nel frattempo si studia come formare una nuova associazione dedicata.

Mentre procedono i colloqui e la ricerca di un locale idoneo allo stoccaggio ed alla distribuzione dei viveri nasce la possibilità di utilizzare Città Fraterna per questo scopo.

Viene convocata l’assemblea dei soci ed alcuni di noi del Movimento entrano a farne parte. In questa assemblea  viene proposto di modificare lo Statuto per renderlo idoneo a questa nuova attività.

A seguire viene steso ed approvato il nuovo statuto sociale; il Comune di Genova ci procura  i locali, la Caritas ci paga le spese di sistemazione dei locali e una ditta di traslochi ci fornisce gratuitamente le scaffalature metalliche e gli arredi .

Con il tempo entrano a far parte altri soci e socie, mentre alcuni soci lasciano per l’impossibilità pratica a svolgere il volontariato a Sestri Ponente.

Con l’entrata in funzione a pieno ritmo dell’ambulatorio di vico del Duca si procede alla chiusura dell’ambulatorio di Bolzaneto.

Negli anni a seguire a Renato Marcenaro subentra alla presidenza Silvano Gianti e sotto la sua presidenza otteniamo da AMU (Azione Mondo Unito)  una sovvenzione per acquistare un furgoncino refrigerato usato.

Sempre sotto la presidenza di Silvano l’associazione si estende nella zona dell’estremo ponente ligure: lì le 4 socie si dedicano al sostegno dei migranti che vogliono passare il confine con la Francia offrendo pasti caldi, vestiti ed altro in stretta collaborazione con Caritas, Croce Rossa Italiana ed altre associazioni .

Sempre nel 2020, due giorni dopo Pasqua, il nostro Silvano ci ha lasciati improvvisamente e Riccardo Varallo è subentrato come presidente.

Nel corso dell’anno  2020 abbiamo distribuito viveri ad una media di 95 nuclei familiari, 480 persone. La distribuzione dei pacchi con generi alimentari avviene, da anni, due volte al mese, escludendo l’interruzione di due mesi e mezzo del periodo in zona rossa.

Questi viveri non nascono dal nulla, ma da una collaborazione con il Banco Alimentare, con l’acquisto di beni con il denaro delle donazioni o delle collette presso alcuni Santuari, o dalle raccolte alimentari presso alcuni supermercati. Nel 2020 le raccolte di fondi e viveri non sono state possibili causa le restrizioni sanitarie in essere.

Dalla data della nascita di Città Fraterna lo spirito che ci ha sempre animato è quello dell’ amore verso i poveri e i più deboli senza alcuna distinzione di razza o religione. Amore che Chiara (Lubich) ha sempre dimostrato nella sua vita specialmente durante la seconda guerra mondiale . Amore che sempre Chiara ben evidenzia nella sua famosa lettera: “Una città non basta”.

Tra noi soci vige la comprensione reciproca e la voglia di “lavorare” al servizio degli altri utilizzando al meglio le nostre capacità e caratteristiche personali nella migliore armonia.

A seguire alcuni dati relativi ai viveri distribuiti nel 2020 :

Pasta 2400 kg , Riso 1030 kg , Farina 700kg , zucchero 400kg , Salsa pomodoro 4400 scatole , Legumi 4250 scatole , Tonno in scatola 2100 pz , Biscotti e Brioces 3200 pz , Olio di Oliva 280 lit. Olio di semi 950 litri. Formaggi tipi vari 1100 confezioni , Caffè 220 confezioni . Alimenti per l’infanzia 600 Marmellate  e succhi di frutta 1900 pezzi.  A cui si aggiungono pane, salumi, cibi surgelati, bibite ,  sughi pronti, frutta e verdura, carne in scatola, materiale per l’igiene personale e della casa ecc.

Chi volesse partecipare come volontario può contattarci via E-mail <[email protected] >

Chi volesse sostenerci può farlo con:

  • un contributo in denaro con un bonifico intestato ad “Associazione Città Fraterna odv”  sul cc il cui IBAN è  <  IT17E0306909606100000158724  > ; 
  • con il 5 per 1000 con il  C.F. 95141460105

La sede è in piazza Aquileia 5/1 (Genova  Sestri Ponente) ed è normalmente aperta per la distribuzione  di pacchi con generi alimentari il primo ed il terzo giovedì del mese dalle 10,00 alle 12,00). 

    A nome di Città Fraterna :   Riccardo Varallo, Bruno Pilu, Corrado Maggiolo ….

(Nota: Le organizzazioni di volontariato (Odv) sono enti del Terzo settore costituiti in forma di associazione……)

LEGGI ANCHE SU CITTA’ FRATERNA A VENTIMIGLIA – CliccaQui


PER VEDERE UNA SCHEDA PREPARATA QUALCHE TEMPO FA’ SU CITTA’ FRATERNA CliccaQui

Alcune immagini di repertorio ante pandemia:

….

3 Risposte a “DA UNA CRISI ECONOMICA NASCE CITTA’ FRATERNA PER AIUTARE CHI E’ NEL BISOGNO”

  1. E bravi Riccardo, Bruno e Corrado (che non ho il piacere di conoscere). Vi ringrazio per averci spiegato dettagliatamente l’attività che state generosamente portando avanti: le necessità sono tante e contribuire ad alleviarle è davvero una bella opera di carità. E speriamo che quel “birbante” di Silvano, che ci ha fatto lo scherzo di piantarci in asso…, si dia comunque da fare e vi dia una mano da Lassù!
    Grazie per quello che fate e auguri di buon proseguimento.
    Agostino

  2. Bellissima iniziativa mi ha fatto molto felice ….l Opera comincia ad incarnarsi nel sociale questo è proprio lo spirito giusto di vivere l Opera oggi.

  3. È una iniziativa bellissima. Quando sei presente come volontario alla distribuzione dei pacchi. Senti come si concretizza l’amore verso gli ultimi. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *