FESTA DI CAPODANNO A CORONATA

Lucia, una giovane del Movimento dei Focolari, lavora presso una delle tre cooperative di Migrantes che accolgono immigrati in attesa di asilo: attualmente gli ospiti dei tre siti – situati in diversi quartieri di Genova – sono 150, provengono da diversi Paesi e la maggior parte sono di religione musulmana.

Come è noto questi giovani, almeno per i primi mesi della loro permanenza, non possono cercare un lavoro e occupano le giornate “come riescono”, sperando che la noia e la depressione non abbiano la meglio.

Per questo Lucia ha chiesto ai suoi amici di poter passare del tempo con loro e, quale migliore occasione della festa di Capodanno? Così ci siamo messi in moto: abbiamo contattato altri amici, tra cui alcuni studenti musulmani di Genova conosciuti nel corso del 2015.

Ma anche le nostre famiglie e diverse persone “adulte” del Movimento hanno voluto contribuire: chi cucinando torte salate e dolci, chi contribuendo economicamente per l’acquisto di bibite e patatine.

IMG-20160102-WA0000

La serata – nella cooperativa Migrantes di Coronata – è trascorsa in modo sereno e gioioso, come non esistessero differenze di lingua, religione e cultura. La musica africana ha fatto da sottofondo, ravvivata dai bellissimi balli che loro fanno con movimenti molto naturali e coinvolgenti.

Omar, un ragazzo del Bangladesh, allo scoccare della mezzanotte ha compiuto 18 anni……una festa nella festa!!!

Come altre associazioni – Comunità di Sant’Egidio, scout, ecc. – anche noi, incoraggiati dal successo della serata, vorremmo continuare nell’impegno di mantenere i rapporti con questi giovani, inventando nuove occasioni per trascorrere insieme del tempo e far crescere fra tutti una vera amicizia.

          I Giovani per un Mondo Unito di Genova

Precedente FESTA DEGLI ATTESTATI AL COMITATO UMANITA' NUOVA Successivo UN PEZZETTO DI PARADISO A LA SPEZIA

2 commenti su “FESTA DI CAPODANNO A CORONATA

  1. Franco Pizzorno il said:

    Grazie ai Giovani per un Mondo Unito di questa testimonianza di apertura al mondo, soprattutto agli “ultimi”. Franco P.!

Lascia un commento