Precedente FINISCE IL GIUBILEO MA LA MISERICORDIA CONTINUA Successivo LA MISERICORDIA “NON E' UNA PARENTESI”, MA L'”ICONA” DELLA CHIESA

4 commenti su “OPINIONI – referendum – perché voterò si.

  1. AS il said:

    Apprendo dal rapporto Openpolis che la manovra “salvaitalia” di Monti/Fornero ha impiegato 16 giorni 16 per essere approvata; per contro la legge anti-corruzione ce ne ha messi 1400 e passa.
    Evidentemente i tempi di approvazione non dipendono solo da elementi tecnici, quali i passaggi obbligati alle due Camere, ma anche e soprattutto dagli interessi in campo. E quelli le riforme non li cambiano, meno che meno questa.
    E poi con tutta la buona volontà poi non capisco come si possa accettare che un governo di non eletti modifichi il documento più importante per la vita civille di una Nazione….
    Invito infine a riflettere su questo dettaglio: all’epoca la Costituente era composta da elementi di spicco della mondo culturale e politico post bellico (diciamo di altro spessore rispetto a Renzi e Boschi, ma vabbè….), siccome come tutti i grandi questi personaggi erano anche molto umili, chiesero al più grande linguista italiano (di cui mi sfugge il nome) di correggere il testo perchè volevano essere sicuri che la Costituzione fosse immediatamente compresibile anche ai bimbi di sei anni. Un esempio di questa pulizia linguistica si ha nell’articolo 70, che attualmente consta di questa 9 parole: “La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere”. con la riforma come sottolineato da Alberto diverrebbe incomprensibile. Un chiaro esempio di come la politica si stia sempe più allontanando dai cittadini, rimanendo autoreferenziale anche quando si ratta di documenti che riguardano tutti noi.

    • michele loconte il said:

      non bisogna fermare un lavoro atteso da anni ,intanto cominciamo, poi si potrà migliorare, se sarà necessario .

  2. Utente Liguria il said:

    Sono in pieno accordo con quanto scritto da Alberto Ferrucci che, con la chiarezza che lo ha sempre contraddistinto, ha esplicitato i motivi che lo conducono a votare SI: Che sono anche i miei e penso quelli di tanti altri.

    Vorrei veramente invitare a riflettere bene sui contenuti della richiesta del referendum; pensare che ci sono voluti tre anni di mediazioni per formulare questa importante modifica costituzionale che ha subito, prima di essere approvata , ben 121 passaggi parlamentari! E sottolineo che molti tra quelli che oggi sono per il no hanno votato per questa riforma.

    Faccio un appello perchè si guardi al contenuto, fuori dalle faziosità, che con prepotenza emergono da tutti i dibattiti. Concordo con Napolitano che – intervistato – ha detto: vogliamo buttare via tre anni di lavoro ? La riforma è comunque un passo avanti verso uno snellimento procedurale e una chiarezza maggiore nei confronti della attività legislativa concorrente tra Stato e Regioni oltre ad altri punti che non è il caso di ricordare.

    Pensiamo che le leggi -anche costituzionali – sono perfettibili , mentre non lo è il nulla. E poi mi chiedo ? ma se tre anni fa avessero chiesto a tanti italiani se volevano eliminare una bella fetta di parlamentari con relativi uffici, portaborse e clientele cosa avrebbero risposto? Grillo, Salvini, Meloni, Bersani,sinistra italiana ecc. Basterebbe leggere i giornali di allora!!

    Quello che sta avvenendo oggi sotto i nostri occhi è un furioso “assalto alla diligenza” ; non importa quanti “morti” rimarranno sul terreno, importa solo prendere la diligenza a qualunque prezzo per sedersi a cassetta e condurla.. Ma dove ? Mi scuseranno quelli che per motivi più nobili voteranno no; ci sono e li rispetto. Ma non sono quelli che urlano dicendo ogni sorta di calunnie …..
    Maria Teresa

  3. Utente Liguria il said:

    UN SI PER IL BENE DEL PAESE
    Dopo un primo periodo con qualche incertezza, ora sono convinto che al referendum sia bene votare SI.

    Leggendo le osservazioni di alcuni esperti per il NO, mi pare che effettivamente ci siano degli articoli che non risultano essere ben formulati (articolo 70 per esempio) , e quindi si poteva fare meglio.

    Tutta una serie di argomentazioni per il NO sono talmente banali e di disinformazione che non perdo tempo a confutarle tanto non servirebbe (che non si risparmia, che i senatori sono nominati, che nasce un regime autoritario, che danno l’ immunità, che anche adesso se si vuole le leggi si fanno velocemente, che il governo non è legittimo…etc…).

    A parte gli esperti (lo ammetto sono tanti) e le persone sincere che votano no, quello che fa più impressioni è lo schieramento POLITICO (non sul merito) per il NO. Non mi piace fare nomi, ma per spiegarmi non posso evitarlo.

    Berlusconi, Monti, Schifani, Dalema, Bersani, De Mita….avevano votato SI inizialmente, quindi ora hanno cambiato idea evidentemente per opportunità e rivalsa politica.
    Poi Salvini e Grillo. Dò atto che sono coerenti. Ma a loro credo interessi poco la Costituzione. D’ altronde lo dicono apertamente. Vogliono far cadere Renzi e il governo. Punto !

    Con diversi di questi signori Renzi non si è comportato bene, bisogna ammetterlo. Mi auguro che Matteo impari a essere più corretto con compagni ed avversari…

    Molti i vantaggi con la nuova riforma. Ma ne cito per me i due principali:
    ABOLIZIONE DEL BICAMERALISMO. Siamo un caso quasi unico al mondo. Motivo principale per cui le leggi che servono per dare lavoro, per eliminare la burocrazia, per ridurre le tasse ….(cose che servono alla gente!!) si palleggiano per centinaia di settimane tra le due camere prima di essere approvate.

    RAPPORTO STATO-REGIONI. Sulle questioni di rilevanza nazionale tornerà ad essere lo stato a prevalere .
    Su questioni come Turismo, Energia, Infrastrutture (autostrade o ferrovie per esempio) è oramai evidente che occorra decidere come Nazione (per il bene del Paese) senza essere bloccati per i veti di singole regioni come è stato in questi anni.
    Questi due cambiamenti sono quelli che alla lunga produrranno i maggiori benefici e risparmi. Poi potrei continuare ma è bene fermarsi…

    Aggiungo solo una mia valutazione per il dopo referendum.

    Se vince il SI, il paese subirà un grande ammodernamento . I Mercati reagiranno positivamente (e sarà un bene per i nostri risparmi). La UE non potrà negarci ulteriore fiducia e flessibilità. Inoltre il governo potrà continuare il suo percorso sino a primavera 2018 e poi si voterà ordinatamente. E lì ognuno farà le sue scelte. Ed eventuali difetti della riforma potranno essere corretti negli anni a seguire.

    E se vince il NO ??? Ricordo che vincerebbero Salvini, Grillo, Berlusconi, Monti, Dalema, Bersani. Quindi il governo, sconfitto, dovrà dimettersi. Avremo diverse settimane o mesi di incertezza e instabilità. La vedo difficile che si riesca a riformare la legge elettorale. Molto difficile un nuovo governo o addirittura un governo tecnico.
    Saremmo aggrediti per un bel po’ dalla speculazione dei mercati ( anche i risparmi potrebbero rischiare). La UE diventerebbe esigente e inflessibile sul rigore nei nostri confronti.

    Insomma, penserete che sto esagerando, e lo spero anch’ io. Ma è per questo che il mio sarà:
    UN SI PER IL BENE DEL PAESE.
    Oscar

Lascia un commento